Figure professionali

Capo Barman: serve un cocktail di qualità per diventare “il re del bancone”

Definizione della professione

Il bancone del bar è il suo regno perché è del settore bar che ha completa responsabilità. Gestire i rapporti coi clienti è un’occupazione che beve tutta d’un fiato e i colleghi/dipendenti aspettano di ricevere da chi riveste questo ruolo le migliori direttive. Qual è la figura professionale in questione?  La figura presa in esame è quella del Capo Barman. Il Capo Barman è infatti colui che si occupa della direzione del banco bar nei suoi vari aspetti.

Principali mansioni e responsabilità di questo profilo professionale

Più il locale pronto ad accogliere orde di turisti o la struttura ricettiva presa in esame è grande più sarà alto il numero di baristi impiegati al bancone del bar e più è numeroso il gruppo di lavoratori del settore bar più si rende necessaria la figura del Capo Barman che si occupa non soltanto di guidare il personale nell’esecuzione dei compiti ma anche di rapportarsi con la clientela risolvendo eventuali controversie e cercando sempre di far allontanare i clienti dal bancone con la loro ordinazione e un sorriso. Il Capo Barman è quindi il Primo Barman, considerato tale per le sue capacità, che non si limita a svolgere il proprio lavoro di barman ma che si occupa anche di coordinare l’attività del resto del personale riuscendo così a rivestire contemporaneamente sia un ruolo operativo, dato che continua a lavorare al bancone, sia un ruolo direttivo.

Requisiti che è necessario possedere per ricoprire il ruolo

Per il Capo Barman perfetto nessun cocktail ha segreti: quando un cliente sceglie di ordinare qualcosa da bere si aspetta di certo grande preparazione nella preparazione di ogni drink presente nel menù e in particolare si aspetta che una figura di spicco come quella del Capo Barman conosca alla perfezione i vari ingredienti e, perché no, sia anche in grado di dare consigli utili alla clientela indovinandone i gusti solo attraverso pochi e semplici indizi. Un Capo Barman ideale dovrebbe anche essere dotato di una buona dose di carisma perché trattandosi di un lavoro in cui l’aspetto relazionale ha un’importanza non indifferente è importante riuscire a conquistare il cliente. Un Capo Barman si trova inoltre a relazionarsi spesso con viaggiatori provenienti dalle parti del mondo più disparate quindi la conoscenza di almeno una lingua straniera, soprattutto quando si è impiegati in alberghi o altre strutture ricettive che hanno tra i propri clienti molti turisti, è davvero fondamentale e conoscerne diverse di lingue straniere costituisce un requisito preferenziale.

Possibilità di impiego

La professionalità di un barista in grado di rivestire il ruolo di Capo Barman può trovare il proprio sbocco lavorativo ovunque sia presente il bancone di un bar perché che il settore bar che sia all’interno di un locale che ha l’anima di un pub o di una discoteca o che sia in un albergo a cinque stelle poco importa: se la struttura è abbastanza grande e importante da richiedere l’impegno di più figure addette al bar allora una gerarchia ordinata può rendere più semplice e più operativa la gestione del lavoro.

4.545 visite

Commenti dei lettori

Nessun commento su questo articolo

Lascia la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*