Strumenti e Utilità

Come lavorare in Inghilterra

Se c’è un Paese che non sembra essere stato toccato dalla crisi economica, questo è senz’altro il Regno Unito: il tasso di disoccupazione risulta di molto inferiore alla media europea. Oltre che nelle grandi città inglesi, le maggiori opportunità lavorative si concentrano nelle aree del Sud Est e del Nord Est.

Il Regno Unito ha una marcia in più – permettendo a tutti di realizzarsi – perché presenta un mercato del lavoro dinamico e flessibile. Coloro che stanno prendendo in considerazione l’idea di trasferirsi in Inghilterra per cercare lavoro, sappiano – comunque  – che vanno incontro a un costo della vita più elevato rispetto agli altri Paesi europei. Per poter lavorare e circolare liberamente nel Paese, ai cittadini europei viene richiesto solo il possesso di una carta d’identità o di un passaporto in corso di validità.

Il primo passo: iscriversi ai Jobcentre Plus

Il primo passo da compiere, una volta giunti nel Regno Unito, è quello di iscriversi ai Jobcentre Plus, gli uffici di collocamento nazionali presenti capillarmente sul territorio. Non appena si trova un’occupazione è necessario richiedere il numero di National Insurance in modo da poter avere i contributi previdenziali e sanitari.

La conoscenza della lingua è un requisito fondamentale per trovare un lavoro qualificato. In alcuni casi, infatti, i datori di lavoro possono richiedere certificati che attestino determinati livelli di conoscenza, ma è ancora possibile trovare, in alcune realtà, occupazioni che non necessitano di competenze specifiche o di una conoscenza fluente della lingua.

Durante l’estate, in particolare, in zone di grande afflusso turistico (come ad esempio in Cornovaglia), c’è una maggiore possibilità di trovare un impiego – con vitto e alloggio – in un albergo o in qualche pub. Il contratto di lavoro può essere orale, scritto e persino tacito.  E’ comunque preferibile ricorrere alla stesura di un documento contrattuale, anche se in Inghilterra è una pratica poco frequente.

Ai lavoratori che superano le sedici ore settimanali, tuttavia, il datore di lavoro è tenuto a consegnare, entro tredici settimane dalla data di assunzione, un documento recante le condizioni applicabili al rapporto di lavoro. Per quanto riguarda le ferie, si ha diritto a un minimo di quattro settimane all’anno. Per orientarsi sulle qualifiche e sulla definizione dei profili professionali più richiesti in Inghilterra si possono adottare varie modalità di ricerca.

Suggerimenti per trovare un lavoro

Oltre a suggerire i tradizionali quotidiani nazionali, che al loro interno hanno una sezione dedicata agli annunci di lavoro [The Guardian, Daily Telegraph, The Time, The Independent, Financial Times, Metro – London Evening Standard, Loot], è consigliabile consultare anche specifici siti internet, che forniscono consigli pratici e sono di facile comprensione.

Fondamentalmente questi siti permettono di inserire il proprio curriculum vitae, in modo da creare un profilo professionale che sia a disposizione delle aziende interessate alla ricerca di personale.

Oltre al web, altra fonte di ricerca per un lavoro nel Regno Unito, è rappresentata dai Career Centres o agenzie di collocamento private: offrono suggerimenti e informazioni, oltre alla possibilità di fare formazione, di svolgere tirocini e altri servizi. In definitiva, la ricerca di un lavoro è sempre molto impegnativa: è necessario avere una buona volontà e un’apertura mentale verso un Paese che comunque premia il merito e garantisce pari opportunità.

Informazioni utili: Ambasciata britannica – Via Venti Settembre, 80a – 00187 ROMA (RM) – Telefono: 06.42200001

Webgrafia utile:
http://ukinitaly.fco.gov.uk/it
Recruitment and Employment Confederation – sito dell’ associazione nazionale delle agenzie di lavoro interinale.
Siti da consultare per Londra – www.londonjobs.co.ukTotaljobsInRetailretail career

1.720 visite

Commenti dei lettori

Nessun commento su questo articolo

Lascia la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*