Widget
CARICAMENTO

Diventare cameriere professionista, ecco come fare

Diventare cameriere significa andare a ricoprire un ruolo molto importante nella ristorazione perché è il responsabile del servizio in sala. Ma soprattutto perché lavora a contatto diretto con i clienti.

La figura del cameriere è per un ristorante il biglietto da visita, spesso determina la prima impressione dei clienti. In altre parole è l’immagine del locale.

Non è un caso, quindi, che le recensioni rilasciate dai clienti dipendano principalmente dal servizio offerto in sala.

Per queste ragioni è una professione che richiede molto impegno e determinazione. Ma soprattutto una predisposizione a saper gestire i rapporti interpersonali con educazione, pazienza ed empatia.

Il lavoro del cameriere presenta tante sfaccettature. Le mansioni cambiano in base al luogo in cui opera, al servizio offerto e alla tipologia dei clienti.

Diventare cameriere: caratteristiche e competenze per un servizio impeccabile

Esistono varie figure di cameriere, queste variano in base alle mansioni e alle posizioni che occupano all’interno del ristorante.

Per questo è opportuno fare la seguente distinzione:

Cameriere di Sala o Maître

Opera in ristoranti di alto livello e le sue attività hanno un taglio principalmente organizzativo.

Si occupa dell’aspetto estetico del ristorante e della logistica.

Il Maître coordina e dirige il lavoro dei camerieri, collaborando a stretto contatto con il direttore e con lo chef.

Chef de rang

È un cameriere professionista ed è responsabile di una specifica sezione della sala che ospita i clienti, il cosiddetto “rango”.

È la figura addetta alle ordinazioni e a mantenere i rapporti con i clienti.

Ricopre un ruolo molto importante in sala, per questo collabora spesso con il Maître.

Commis de rang

È l’aiuto cameriere e lavora a stretto contatto con lo Chef de rang.

Porta i piatti in sala, si occupa della pulizia dei tavoli e delle attrezzature da lavoro.

È il primo step da cui partire per imparare a destreggiarsi nel mondo della ristorazione.

Indipendentemente dal ruolo ricoperto, il cameriere deve saper combinare perfettamente le proprie competenze tecniche con altre caratteristiche prettamente relazionali.

Abilità che si affinano con l’esperienza, direttamente sul campo.

Il servizio? Una questione di stile

Lavorare come camerieri professionisti richiede un’ottima tecnica e buona forza di volontà.

Per offrire un servizio che punti al massimo, è necessario essere sempre aggiornati e comprendere come il mercato si evolve per offrire un servizio sempre adeguato.

Già nel servizio esistono una serie di stili differenti da adottare in base alla location in cui si lavora e alla tipologia del cliente.

Il servizio all’italiana, quello alla francese, quello all’inglese o quello alla cinese, per esempio, richiedono una serie di accorgimenti così differenti tra loro che non è possibile improvvisare.

Per questo la formazione prima e la pratica dopo, sono elementi fondamentali per svolgere il lavoro nel miglior modo possibile.

Occorre mettersi sempre in discussione, aggiornarsi continuamente per rimanere sempre al passo con un settore che è in continua evoluzione.

La formazione, la chiave del successo

Per diventare cameriere di sala occorre innanzitutto conseguire un diploma presso un Istituto Alberghiero, da implementare con corsi di specializzazione per operatori per la ristorazione di sala.

Solitamente segue al diploma un periodo di apprendistato, una valida opportunità per mettere in pratica le conoscenze acquisite direttamente sul posto di lavoro, on the job.

È qui che si fa la vera gavetta.

Ovviamente la conoscenza delle lingue è fondamentale per chi vuole fare carriera in questo settore.

La conoscenza dell’inglese, dello spagnolo o di altre lingue è un plus fondamentale per chi vuole lavorare in un contesto internazionale o trovare impiego in altre realtà turistiche come gli hotel o le navi da crociera.

Cosa fare e cosa evitare per diventare cameriere doc

Ma la formazione da sola non basta. Ci sono una serie di regole “non scritte” da seguire per diventare un vero professionista nel settore.

Ci sono una serie di abilità che permettono di svolgere questo lavoro in maniera eccellente.

Alcune sono innate, fanno parte delle proprie inclinazioni caratteriali, altre si possono acquisire e migliorare con l’esperienza.

La gentilezza, la pazienza e la cura dell’aspetto sono solo alcuni degli aspetti da mettere in pratica per offrire la migliore performance lavorativa.

Le carte vincenti: empatia e spirito d’osservazione

Ma occorre anche un buono spirito di osservazione.

Essere attenti ai segnali dei clienti è il miglior modo per prendersi cura di loro e soddisfare le loro esigenze.

Non bisogna trascurare i clienti o opprimerli con una presenza eccessiva e costante.

Occorre studiare la situazione, intromettendosi in maniera opportuna ed educata nel momento opportuno.

Il lavoro del cameriere, se ben fatto, richiede forza fisica, una buona dose di educazione e uno spiccato intuito psicologico per entrare in empatia con i clienti.

Lascia un commento

  • Diventare cameriere professionista, ecco come fare

  • ft
    Iscriviti adesso
    Compila il modulo per ricevere aggiornamenti direttamente nella tua casella mail. Migliaia di operatori del settore l'hanno gia fatto. 100% Free.
    Accetto Condizioni d'uso e acconsento al trattamento dei dati personali in base alla Privacy Policy