Widget
CARICAMENTO

Hostess congressuale

In queste ultime settimane, grazie alle schede tecniche fornite da Roberta Garibaldi, docente dell’Università di Bergamo, abbiamo analizzato una serie di figure professionali che operano nel mondo del turismo congressuale, dal Responsabile Centro Congressi fino all’Interprete. Completiamo questa carrellata parlando di una categoria che non passa di certo inosservata durante i congressi, i meeting o gli eventi di varia natura: ci riferiamo naturalmente alle Hostess congressuali. Come avrete modo di scoprire leggendo, la bella presenza da sola non basta per poter ricoprire questo ruolo. Occorre al contrario spirito di sacrificio e una buona preparazione di base. Non a caso tra loro si trovano con sempre maggior frequenza studentesse universitarie. È inoltre opportuno evidenziare che per bella presenza non ci si riferisce semplicemente all’aspetto fisico e ai presunti canoni imposti dai mass media: significa avere sì un aspetto gradevole, ma anche essere dotati di un buon bagaglio culturale, savoir faire, buona educazione, grandi doti comunicative e – perché no? – di un bel sorriso. Che non guasta mai.

I compiti affidati alle hostess

La hostess congressuale è in un genere una ragazza di bella presenza che collabora con gli operatori congressuali durante la fase di realizzazione e svolgimento dell’evento.

Nell’ambito di un evento congressuale la hostess deve, tra le varie attività:
Accogliere gli ospiti e provvedere all’accreditamento degli stessi.
• Orientare gli ospiti all’interno della manifestazione, fornendo informazioni sul programma della giornata, sulla location e su qualsiasi altra esigenza espressa dai partecipanti; a questo scopo, in un momento antecedente all’inizio dell’evento, la hostess deve essere adeguatamente formata dai responsabili organizzativi del congresso.
Gestire il materiale informativo (brochure, cartellette, etc.) da consegnare agli ospiti.
• Rendersi disponibile nell’intero corso di svolgimento del congresso per eventuali necessità degli ospiti e/o dei relatori sul palco.
• Assistere gli ospiti durante eventuali attività di svago (per esempio visite turistiche, eventi culturali) o durante gli spostamenti da e verso le strutture ricettive nel caso in cui il congresso abbia una durata superiore alla giornata.

Le competenze richieste

Competenze di base
ottima conoscenza delle lingue
buona cultura generale

Competenze trasversali
predisposizione alla comunicazione
capacità organizzative e di problem solving
versatilità
cortesia e disponibilità
discreta presenza

La formazione

Per svolgere la professione della hostess congressuale non è previsto un titolo di studio in un particolare ambito disciplinare, ma è generalmente richiesto il possesso di un diploma a garanzia di un buon livello di cultura generale.

Per intraprendere la professione sono di norma previsti corsi di formazione interna: in un primo momento si affianca la giovane risorsa ad una figura con esperienza consolidata per inserirla nel ruolo di hostess; vi è poi la formazione specifica per un evento che prevede una o due giornate formative, a seconda della complessità e del tipo di evento.

Non essendo necessarie particolari competenze tecniche, non è necessario aver maturato esperienze precedenti nel settore per intraprendere la professione di hostess congressuale.
Se la risorsa mostra interesse e buone capacità organizzative, vi sono buone prospettive di crescita professionale, nel ruolo ad esempio di operatore congressuale.

Le possibilità di impiego

La caratteristica principale del lavoro della hostess è la non continuità: normalmente non è dipendente, ma viene coinvolta evento per evento con contratti usualmente di collaborazione occasionale o a progetto. Le hostess possono essere selezionate e reclutate sia da enti organizzatori di eventi, sia da agenzie specializzate presenti sul territorio.

Il ritmo di lavoro dipende dall’intensità del periodo congressuale. Può accadere che si organizzino eventi nelle ore serali o nel fine settimana, per cui la hostess deve garantire massima flessibilità e disponibilità.

Una professione su misura per le universitarie

La hostess lavora generalmente in piedi e deve risultare discreta nell’aspetto fisico; vengono spesso imposte alle hostess divise da indossare nel corso di svolgimento del congresso.

Il numero di ragazze interessate a intraprendere la professione è in aumento, soprattutto tra le giovani universitarie che intendono conciliare lo studio con un lavoro non continuativo; questo significa che il livello di cultura generale delle hostess congressuali è costantemente in aumento.

a cura di: Roberta Garibaldi
Università degli Studi di Bergamo
Centro studi per il Turismo e l’Interpretazione del Territorio – CeSTIT

  • hostess congressuale

  • Partita Iva 00874800949

    ft
    Iscriviti adesso
    Compila il modulo per ricevere aggiornamenti direttamente nella tua casella mail. Migliaia di operatori del settore l'hanno gia fatto. 100% Free.
    I tuoi dati non saranno mai ceduti a terzi. Acconsenti L.196/2003
    JOIN OUR COMMUNITY
    Just one step to success!