Strumenti e Utilità

Lavorare all’estero: lavori per stranieri in Francia

In questo periodo di crisi del mondo del lavoro, anche in Francia il lavoro alla pari è una valida, veloce e concreta, possibilità per trovare un lavoro temporaneo. Prevede la cura dei bambini e lo svolgimento di piccoli lavori domestici, presso una famiglia ospitante, in cambio di vitto, alloggio e di un contributo minimo.

Il vantaggio di questo lavoro è che ogni giorno fai pratica con la lingua. Di solito, non è richiesto alcun tipo di studio speciale e non si lavora con bambini minori di 2 anni. Spesso è richiesta esperienza pregressa con i bambini e per motivi di visti i cittadini della UE hanno più vantaggi.

Il servizio dura da un minimo di 2 mesi ad un massimo di 3 anni. Per avere un vantaggio sul mercato del lavoro si può decidere di insegnare la propria lingua come lingua straniera. Inglese, tedesco e spagnolo sono le lingue con la domanda più alta.

Ottenere un lavoro nel sistema educativo pubblico in Francia è di solito molto difficile, perché richiedono molti requisiti e il processo di selezione è molto competitivo. Tuttavia, esistono scuole di lingua e agenzie di tirocini che danno lavoro agli stranieri. Alcuni neanche chiedono una qualifica d’insegnante ma dipende comunque dall’istituzione. Non ci sono requisiti per le lezioni individuali che possono costare intorno ai €15-20.

Lavorare in estate in Francia

In estate ci sono molte opportunità nel settore turistico. Trovare lavoro ad agosto, soprattutto a Parigi e in altri posti pieni di turisti è di solito facile. I servizi più comuni per trovare lavoro sono gli hotel, ristoranti e altri luoghi per mangiare. A seconda dell’esperienza e delle caratteristiche i lavori sono: pulizia, cameriere, cuoco, commesso e receptionist.

I posti più semplici in cui trovare lavoro sono le grandi catene alimentari perché sono sempre alla ricerca di personale. Durante l’inverno, le opportunità di lavoro si concentrano nelle località sciistiche sulle Alpi e sui Pirenei.

Per la ricerca di un lavoro temporaneo o stagionale è importante organizzarsi in tempo. Se si è interessati a un’esperienza estiva è preferibile proporre la propria candidatura nei primi mesi dell’anno. La disponibilità in termini di tempo deve essere, di norma, più lunga di un mese. Solo alcune offerte di lavoro nel settore agricolo prevedono un impegno di durata inferiore. Il lavoro stagionale in Francia è regolamentato a livello nazionale e come per gli altri lavori è previsto un salario orario minimo garantito.

Per quanto riguarda il lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione, in Francia, esiste un’apposita regolamentazione perché l’orario settimanale spesso supera le 39 ore, limite oltre il quale è necessario avere almeno 18 anni. La maggiore età è necessaria anche per poter lavorare presso locali in cui si vendono alcolici. Le figure professionali più ricercate sono: addetto alla reception, maître, cameriere e cuoco.

Questi lavori prevedono un contatto con il pubblico e sono quindi accessibili solo a chi ha una buona conoscenza della lingua francese ed esperienza nel settore.
Sono previste anche mansioni per cui è richiesta poca o nessuna esperienza: addetto al guardaroba, governante ai piani e aiuto-cucina. Più raramente vengono richiesti commessi, hostess, baristi, animatori e baby sitter. Quasi tutti i datori di lavoro offrono vitto e alloggio.

Cosa deve contenere la candidatura

La candidatura deve contenere informazioni chiare e concise su esperienze di lavoro, interessi e attitudini, oltre ai dati personali, titoli di studio e professionali e livello di conoscenza della lingua. Per trovare lavoro in questi settori può essere utile rivolgersi ai Syndicat d’Initiative delle località turistiche, che forniscono gratuitamente l’elenco degli hotel, ristoranti e campeggi della zona di interesse.

Un’altra opportunità di lavoro è presso gli ostelli della gioventù, con mansioni di vario tipo: custodi, receptionist, addetti alle pulizie o alla cucina.

Il compenso può essere limitato a vitto e alloggio. Per quanto riguarda il lavoro nel settore turistico, i centri di vacanza estivi, i villaggi turistici e i parchi divertimento e a tema sono tra le maggiori fonti di lavoro. Altre valide occasioni sono possibili nell’ambito del noleggio di autovetture. Nei centri di vacanza e di soggiorno ci sono diverse possibilità di lavoro. Le mansioni più richieste riguardano le figure di animatore, educatore, istruttore sportivo, accompagnatore di gruppi, insegnante di danza, musica e artigianato, lavapiatti, addetti alle pulizie e alla reception.

I parchi di divertimento offrono numerosi tipi di lavori durante l’estate. I posti disponibili riguardano principalmente il settore dell’accoglienza, della vendita, della pulizia, della ristorazione e della sorveglianza. L’attività lavorativa è organizzata in mansioni a carattere stagionale. Spesso l’alloggio è fornito dai datori di lavoro e detratto poi dallo stipendio.

Requisito fondamentale per lavorare in questo settore è la conoscenza almeno di base della lingua francese e di quella inglese, il possesso della patente di guida, eventuali brevetti di soccorritore o qualifiche professionali come quella di animatore, attività sportive praticate ed eventuali altri hobby.

I lavori stagionali in agricoltura riguardano principalmente il taglio e la raccolta del grano e del mais, la vendemmia, la raccolta del tabacco, dei legumi e della frutta. In genere la durata dei lavori varia da dieci a trenta giorni, con un orario distribuito anche su sette giorni settimanali. E’ un’attività fisicamente impegnativa e condizionata dalle condizioni climatiche. L’alloggio viene offerto, di norma, solo a chi vendemmia, conviene quindi munirsi di attrezzatura da campeggio per gli altri tipi di raccolta.

Non sono richieste esperienze precedenti o particolari qualifiche, con l’eccezione dei lavori che prevedono la guida di macchine agricole. La candidatura deve essere inviata almeno due mesi prima del periodo di lavoro. Per capire quando muoversi e candidarsi è importante conoscere le date di raccolta per tipologia di prodotto, suddivise a seconda della regione.

Normalmente i proprietari dei vitigni offrono vitto e alloggio ai propri lavoratori e la giornata lavorativa dura fino a nove ore per sette giorni alla settimana. Il compenso è stabilito da accordi sindacali, ma è comunque consigliabile prendere visione della retribuzione e delle condizioni previste prima dell’assunzione e accertarsi che siano conformi alle tariffe stabilite.

Punto di riferimento per il lavoro del settore agricolo è l’APCA – Assemblée Permanente des Chambres d’Agriculture. Le Camere Dipartimentali dell’Agricoltura sono diffuse in tutte le regioni, dispongono di varia documentazione e mettono in contatto i datori di lavoro con coloro che cercano impiego nel settore. Per la ricerca del lavoro può essere utile rivolgersi direttamente alle aziende del settore o consultare giornali e riviste specializzate che pubblicano delle offerte di lavoro.

Altri articoli sul lavoro all’estero che potresti trovare utili sono:
Lavorare in Belgio
Trasferirsi in Australia
Il mercato del lavoro in Canada
Brasile: visto temporaneo di lavoro e visto permanente
Lavorare all’estero: Cina

1.397 visite

Commenti dei lettori

Nessun commento su questo articolo

Lascia la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*